Home | Eventi | Download | Link | Info
STAGIONE ESTIVA INIZIATA

abbigliamento, calzature e accessori
delle migliori marche

 
Prodotti
 
Promozioni Calciobalilla Fitness Tennis Tennis Tavolo
 

Consigli
 
Sci Club Scarpe Allenamento per Maratona Alimentazione Running » Scelta delle scarpe » Aerobico e anaerobico » Corsa in discesa » Stretching » Dimagrire correndo » Maratona » Pregiudizi » Apotenza aerobica » Rischi da running » Test gara » Cardiofre quenzimetro » Trenta regole per cominciare » Venti minuti di corsa » Infortuni donne » La corsa e la bilancia » Sport in alternativa alla corsa
 
 
Running > Pregiudizi

Dieci miti da sfatare

di Rodolfo Tavana

Nello sport tutti possono commettere errori a causa di false opinioni o luoghi comuni privi di fondamento scientifico. Anche nel calcio sono molti i pregiudizi che inducono a comportamenti sbagliati e spesso pericolosi. Eccone dieci da chiarire.

  1. Non bisogna bere durante gli allenamenti: falso e pericoloso.
    Durante lo sforzo il corpo si surriscalda e l'evaporazione del sudore lo raffredda. Se si suda in un giorno ventoso si avverte subito freddo sulla pelle, perché il vento favorisce l’evaporazione del sudore che a sua volta sottrae calore al corpo.
    Se non si beve il fisico non reintegra l’acqua persa col sudore e, disidratandosi, tende a surriscaldarsi. Bisogna bere durante e dopo gli allenamenti. Una perdita d’acqua superiore al 3% del peso corporeo, oltre a creare problemi di raffreddamento, riduce la performance fisica.
  2. La carne fornisce energia per la partita: falso.
    La carne aiuta a reintegrare proteine e minerali (tra cui il ferro), ma non fornisce l’energia che il calciatore utilizza durante una partita di calcio.
    Sono gli zuccheri, che vanno ingeriti nel pasto pre partita (pasta, pane, riso, dolci privi di creme, marmellata...) a dare sostegno al corpo. Il menù ideale è a base di pasta asciutta, patate bollite, crostata di marmellata da mangiare due ore e mezza - tre ore prima del fischio di inizio.
  3. Il vino rosso fornisce energia: vero in parte.
    Il vino è sicuramente un apportatore di calorie, ma l’alcol in esso contenuto è controindicato per l’atleta, soprattutto quando si avvicina l’evento agonistico.
  4. Sudare fa dimagrire: falso.
    Sudando si perdono solo acqua e sali e non il grasso sottocutaneo, vera causa del sovrappeso.
    Dieta ed esercizio fisico aiutano a dimagrire, mentre giubbotto di plastica o piumini indossati d’estate rischiano solo di farci stare male (colpo di calore). Bisogna allenarsi con abbigliamento ridotto durante i mesi estivi e reintegrare i liquidi sorseggiando acqua o normali prodotti in commercio con tale scopo.
  5. Con la febbre è bene fare una corsetta: falso.
    Quando il corpo si trova in uno stato febbrile a riposo (non dopo una partita) significa, normalmente, che è affetto da una malattia virale o batterica. Lo sforzo fisico può solo complicare la malattia, ma non guarire.
  6. Il giocatore non ha bisogno di vaccinarsi contro l’influenza, perché è giovane e forte: non è del tutto vero.
    In quei soggetti che, nei mesi invernali, facilmente incorrono in malattie dell’apparato respiratorio, la vaccinazione è indicata al pari di bambini e anziani.
  7. Il calciatore deve sempre allenarsi con le calzature da calcio: vero in parte.
    Per svolgere gli allenamenti atletici è indispensabile utilizzare calzature adatte a tale scopo. Correre o eseguire balzi, nel contesto di un allenamento atletico, può generare infiammazioni ai tendini se si utilizzano le scarpe da calcio. Meglio perdere due minuti per cambiarsi che incorrere in una tendinite.
  8. Il giocatore deve riposarsi durante la settimana per essere fresco la domenica: falso.
    Ormai non ci crede più quasi nessuno. È lavorando e faticando che si costruiscono i risultati nello sport. Ovviamente, occorre una programmazione logica per non incorrere in un affaticamento il giorno della partita, ma guai a riposare completamente.
  9. Allenare la forza appesantisce e rende il giocatore lento: falso.
    La forza va allenata costantemente ma con criterio, il giocatore ne ha bisogno per esprimersi al meglio e per prevenire gli infortuni.
    Certamente non va allenato come un culturista, ma "tonificato" attraverso un uso razionale della metodologia di allenamento della forza. Non a caso i velocisti dell’atletica allenano la forza per diventare più veloci. Certamente i giocatori non solleveranno centinaia di chili il giorno prima della gara e non trascureranno di trasformare la forza in velocità attraverso allenamenti specifici.
  10. Il calcio è lo stesso da anni: falso.
    Qualsiasi sport di squadra si è evoluto tecnicamente, tatticamente e come velocità di gioco. Il calcio non è differente.
    Basta guardare il ritmo delle partite giocate negli anni ‘50 per accorgersi della differenza rispetto a quello di oggi. Certamente, un campione di allora, allenato con i metodi di oggi, emergerebbe alla stessa stregua e sarebbe, comunque, un fuoriclasse.
 
 
 
 

BENVENUTI SPORT s.r.l. - www.benvenutisport.it - e-mail: info@benvenutisport.it  -  P.iva 02281670360

SEDE:  Viale  Gramsci,  241/c  -  41037  Mirandola  (MO) -  tel e fax 0535.610717 GPS +44° 53' 28.13", +11° 4' 58.90"

 
Powered by millenniumstudio.com