Home | Eventi | Download | Link | Info
STAGIONE ESTIVA INIZIATA

abbigliamento, calzature e accessori
delle migliori marche

 
Prodotti
 
Promozioni Calciobalilla Fitness Tennis Tennis Tavolo
 

Consigli
 
Sci Club Scarpe Allenamento per Maratona Alimentazione Running » Scelta delle scarpe » Aerobico e anaerobico » Corsa in discesa » Stretching » Dimagrire correndo » Maratona » Pregiudizi » Apotenza aerobica » Rischi da running » Test gara » Cardiofre quenzimetro » Trenta regole per cominciare » Venti minuti di corsa » Infortuni donne » La corsa e la bilancia » Sport in alternativa alla corsa
 
 
Running > Rischi da running

Correre in discesa

di Fulvio massini

Correre in discesa sembra facile, ma non è così. I tratti in pendenza non vanno affrontati istintivamente perché si rischia di adottare una tecnica scorretta, che sollecita eccessivamente muscoli e articolazioni.

    Gli errori da evitare

  • Busto troppo arretrato con conseguente appoggio a gamba tesa sull’intero tallone. È il difetto più diffuso e può determinare traumi ai talloni (in parte attenuati dai sistemi ammortizzanti delle scarpe da running), traumi alla colonna vertebrale, in tutta la sua estensione, eccessiva perdita di velocità.
  • Azione scoordinata delle braccia. Alla ricerca del migliore equilibrio si è portati ad allargarle troppo e a muoverle in modo asincrono rispetto alle gambe.
  • Eccessiva contrazione dei muscoli delle spalle, del collo e trapezi (quelli che stanno tra spalle e collo).
  • Atteggiamento mentale "contratto", causato dalla foga di recuperare il tempo perso in salita o dal desiderio di riprendere qualche fuggitivo.
  • Inoltre, spesso si spinge troppo nel tratto in salita prima della discesa. Molti corridori distribuiscono male le energie perché pensano che una volta arrivati in cima sia tutto finito. Invece si deve continuare a controllare l’azione e a lavorare muscolarmente. Il problema si riduce se la gara o l’allenamento si concludono dopo la discesa o se proseguono in pianura.

    Come risolvere i problemi

  • Busto e bacino devono essere perpendicolari al terreno. Il piede deve appoggiare non di tallone, ma con la parte più larga. La gamba nell’impatto col suolo non dev’essere tesa ma leggermente piegata. Chi ha problemi di schiena deve ridurre la velocità, specialmente nelle discese ripide, in modo da ammortizzare il più possibile, senza assumere con il corpo atteggiamenti di difesa.
  • In discesa come in salita le braccia servono a mantenere l’equilibrio del corpo in movimento. Non vanno tenute ferme né fatte svolazzare in tutte le direzioni. Avanzano contemporaneamente braccio e gamba opposti, gli avambracci sono tenuti vicino al corpo, leggermente convergenti. Un trucco: allargare leggermente i gomiti quando si va forte.
  • Non tirare su le spalle per controllare l’azione, contraendo i muscoli trapezi e quelli del collo. Un trucco: appena inizia la discesa, specialmente se la salita è stata dura, lasciare ciondolare per un attimo le braccia abbassando le spalle. Serve per rilassarsi. Se durante la discesa ci si accorge di contrarsi di nuovo, basta ripetere il movimento per un attimo. Il miglioramento è immediato.
  • Rilassarsi. Pensare a correre correttamente, a respirare in modo ritmico e normale. La discesa deve servire per recuperare il fiatone, mettere a punto l’assetto di corsa, concentrarsi sull’obiettivo (o avversario) da raggiungere.
  • Chi corre le lunghe distanze impara subito a distribuire le energie. La corsa in discesa ne richiede parecchie. I precedenti tratti in salita vanno dunque affrontati in quest’ottica, senza raschiare il barile.

    Il passo giusto

  • Come regolare la velocità. L’azione di corsa alle varie velocità richiede il giusto rapporto tra frequenza e ampiezza del passo. Per andare piano bastano falcate piccole e lente (il ginocchio sale poco). Con l’aumentare della velocità deve aumentare la frequenza delle falcate e anche la loro ampiezza (maggiore salita del ginocchio). Tutto questo col giusto assetto di corsa. Se, ad esempio, pensando di allungare il passo ci si accorge di appoggiare di tallone, si sta allungando troppo per quel ritmo. Il passo va accorciato.
  • Come allenarsi a correre in discesa. Scegliere una discesa dolce, con una pendenza del 2-3%, ed eseguite allunghi (tratti di circa 100 metri partendo piano e aumentando via via la velocità), concentrandosi sulla corretta tecnica di corsa fino ad averne padronanza. Allo stesso modo, quando in allenamento si corre su un percorso misto bisogna cercare di correggere l'azione di corsa, oppure chiedere aiuto a un tecnico. In poco tempo sarà possibile farsi trascinare dalla forza di gravità e sarà automatico correre le discese in modo perfetto. Tra l’altro correndo in discesa si allena la forza eccentrica, una caratteristica molto importante per i podisti di lunga lena.
 
 
 
 

BENVENUTI SPORT s.r.l. - www.benvenutisport.it - e-mail: info@benvenutisport.it  -  P.iva 02281670360

SEDE:  Viale  Gramsci,  241/c  -  41037  Mirandola  (MO) -  tel e fax 0535.610717 GPS +44° 53' 28.13", +11° 4' 58.90"

 
Powered by millenniumstudio.com